NAVIGA IL SITO
Home » esperto risponde » Assicurazione auto » Come assicurare un veicolo che non circola da due anni?

Come assicurare un veicolo che non circola da due anni?

La compagnia assicurativa ha commesso un errore, trasferendo la polizza auto dalla sua vecchia auto a quella nuova.

di Andrea Manfredi 6 set 2011 - ore 14:06
La legge che regola le assicurazioni auto e le istruzioni impartite dall’Isvap consentono il trasferimento del contratto di assicurazione da un’auto all’altra solo a seguito di vendita o documentata consegna in conto vendita del veicolo, oppure di demolizione, di esportazione definitiva all'estero e di cessazione definitiva della circolazione con restituzione della targa.

Domanda - Da circa 2 anni la mia vecchia auto (ROVER 618) non circola, in seguito a un incidente. Ho trasferito la polizza ad un’altra auto  (XSARA D SW), ma quest'ultima di recente è diventata inutilizzabile a causa di atti vandalici. Vorrei rimettere in funzione la macchina ferma (ora riparata), della quale però ho soltanto copia dell'attestato di rischio. La compagnia assicurativa si è rifiutata di rilasciarmi il certificato originale perché, a suo dire, lo status è stato trasferito all'altra auto. E quindi, sempre secondo loro, dovrei ripartire dalla classe 18. Non so come muovermi, dal momento che la copia del mio attestato di rischio si riferisce ad una classe 9 e vorrei evitare di pagare un premio maggiorato. Il fatto che l'attestato di rischio abbia validità quinquennale non gioca a mio favore?

Grazie della disponibilità.

Risposta - La sua compagnia assicurativa ha commesso un errore, trasferendo la polizza auto dalla sua vecchia auto (in riparazione) a quella nuova. La legge che regola le assicurazioni auto e le istruzioni impartite dall’Isvap consentono infatti il trasferimento del contratto di assicurazione da un’auto all’altra solo a seguito di vendita o documentata consegna in conto vendita del veicolo (nel suo caso, la Rover), oppure di demolizione, di esportazione definitiva all'estero e di cessazione definitiva della circolazione con restituzione della targa. La sua Rover era soltanto in riparazione, perciò la polizza rca non doveva essere trasferita alla Xsara.

Tenga inoltre presente che lei ha diritto ad ottenere il suo attestato di rischio originale in quanto si tratta di un documento di sua esclusiva proprietà, a prescindere dalla vettura a cui fa riferimento. La compagnia assicurativa deve rilasciarle l’attestato di rischio ai sensi del regolamento n. 4 dell’Isvap e precisamente all’art. 4.

Le suggerisco di richiedere nuovamente l’attestato di rischio originale alla sua compagnia. Una volta ottenuto questo documento, potrà ottenere l’emissione di una nuova assicurazione auto con la sua classe di merito precedente, allegando una dichiarazione di mancata circolazione della Rover 618. Per avere una panoramica delle assicurazioni auto più convenienti sul mercato può servirsi del servizio di confronto rca di SoldiOnline e SuperMoney, che mette a confronto le assicurazioni auto offerte da 40 compagnie.

Se vuole presentare reclamo alla sua compagnia assicurativa, può farlo spiegando il motivo della lamentela e allegando ogni documento utile a sostenere le sue ragioni. La società dovrebbe inviarle una risposta entro 45 giorni dal ricevimento del reclamo: in caso contrario l’Isvap  prevede che la compagnia debba pagare una sanzione amministrativa pecuniaria. Se desidera maggiori informazioni sul suo reclamo può consultare l’apposita “Guida ai reclami” sul sito dell’Isvap.

Andrea Manfredi

TUTTI GLI ARTICOLI SU: assicurazione auto , rc auto

da

Soldi Online

Piazza Affari, sono scattate le vendite. Si è salvata MPS

Piazza Affari, sono scattate le vendite. Si è salvata MPS

L'istituto toscano ha beneficiato del nuovo giudizio degli analisti di Goldman Sachs. In forte ribasso, invece, il Banco Popolare. Chiusura negativa anche per Mediaset Continua »

da

Soldi e Lavoro

La cassa integrazione nel primo trimestre 2014

La cassa integrazione nel primo trimestre 2014

Esplode la richiesta di Cig, con oltre 100 milioni di ore registrate lo scorso mese, ben oltre gli 80 milioni mediamente conteggiati da gennaio 2009 ad oggi. In un'infografica i dati Cgil sulla Cig Continua »